Personal tools
You are here: Home zona 5 Materiali dalla zona 5 quinto Free Festival delle bambine e dei bambini
« July 2017 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
 
Document Actions

quinto Free Festival delle bambine e dei bambini

by redazione — last modified 2014-03-27 23:18

Le scuole e il 'razzismo delle povertà', la discriminazione delle famiglie arcobaleno, la vita precaria degli insegnanti, l'arte per conoscere la diversità. Quattro giorni alla ricerca di una educazione diversa 2-3-4-6 Aprile 2014

********************************************************************

 

********************************************************************

 

MERCOLEDÌ 2 APRILE 2014 - Incontro con le famiglie arcobaleno

 

GIOVEDÌ 3 APRILE 2014 - Incontro dei lavoratori precari della scuola

 

VENERDÌ 4 APRILE 2014 - Incontro sui razzismi e la paura delle differenze

 

DOMENICA 6 APRILE 2014 - Atelier di pittura per un mondo di colore senza barriere... piccoli artisti all'opera

 

********************************************************************

 

********************************************************************

 

 

MERCOLEDÌ 2 APRILE 2014

 

ORE 21.00

 

Archivio Primo Moroni - Via Conchetta 18, Milano

 

Incontro con le famiglie arcobaleno

 

seguirà proiezione del film:

"Il lupo in calzoncini corti"

 

Come vivono i figli degli omosessuali?

È possibile che due uomini crescano un bambino?

Chi è la co-mamma?

Cosa sono le famiglie omogenitoriali?

Ne esistono in Italia?

 

Le due famiglie protagoniste del documentario "Il lupo in calzoncini corti"

rispondono a queste domande lasciandoci entrare nelle loro vite

 

********************************************************************

 

********************************************************************

 

GIOVEDÌ 3 APRILE 2014

 

ORE 21.00

 

COX18 - Archivio Primo Moroni - Via Conchetta 18, Milano

 

Incontro dei lavoratori precari della scuola

 

Il ricorso, come misura ordinaria, a personale precario nella scuola pubblica riproduce tali e quali i meccanismi di svalorizzazione, mercificazione e sfruttamento del lavoro già ampiamente praticati nel privato. Il tenace rifiuto di riconoscere il valore e l'importanza del personale precario della scuola, nonostante l'uso massiccio che ne viene fatto, infierisce sul corpo già malato dell'istituzione scolastica confermandone la subalternità alle esigenze del mercato.

La scuola del pensiero critico, dell'autonomia e delle conoscenze diventa sempre più la scuola della passività, dell'obbedienza e delle competenze, prona ai diktat di una prestazione lavorativa che non riesce neppure a garantire una vita dignitosa.

Il precario rappresenta un tassello importante in questo quadro di svilimento della conoscenza. La sua figura volutamente rompe la continuità didattica, atomizza le relazioni, produce insicurezza e mette in concorrenza gli uni contro gli altri; alimenta il disagio ed il senso di perenne emergenza di cui si nutre la società dello sfruttamento.

 

Alzare la testa è difficile, ma indispensabile.

 

 

********************************************************************

 

********************************************************************

 

VENERDÌ 4 APRILE 2014

 

Ex Fornace - Alzaia Naviglio Pavese 16, Milano

 

Il razzismo della povertà

Incontro sui razzismi e la paura delle differenze

 

Al di là delle differenze d'origine e della lingua che si parla, il razzismo divide per comunità, gruppo d'appartenenza, condizione sociale.

Nasconde cattiveria e paura, ricerca di identità e desiderio di riscatto. Porta con sé un bisogno al quale non si riesce a dare una risposta.

È, oggi, una grossa fetta della materia di cui è fatto il convivere sociale.

 

con

Beatrice Damiani

Arcangela Mastromarco

Flaviana Robbiati

Stefano Pasta

Marcelo Jara

 

********************************************************************

 

********************************************************************

 

DOMENICA 6 APRILE 2014

 

Giardino Primo Moroni - Via Troilo angolo via Conchetta, Milano

 

nell'ambito del Mercato dell'autoproduzione e di prodotti biologici - TerreInMoto

Atelier di pittura per un mondo di colore senza barriere... piccoli artisti all'opera

Andrea & Piera

 

 

Visi in contaminazione oltre la barriera del pregiudizio.

Presentazione e osservazione di alcuni quadri di pittori più o meno famosi, tanto di autori del passato che contemporanei, di provenienza europea o di terre lontane, cercando in questo modo di trasmettere una trasversalità di contenuti. I pittori non sono solo quelli riportati sui libri di storia dell'arte e conosciuti da tutti, ne esistono di poco noti ma che meritano la stessa considerazione. Non esiste solo la pittura europea, esiste un'arte affascinante come la nostra anche in altre parti del mondo. I soggetti dei dipinti sono volti che richiamano sguardi di ogni terra, dall'Italia alla Cina, dalla Francia al Senegal.

Verrà data inoltre la possibilità ad ognuno, indipendentemente dall'età, di farsi un proprio ritratto attraverso un grande specchio e fogli lucidi con i colori a dita...

La pittura va oltre... non serve essere adulti o bravi artisti per realizzare opere meravigliose... ognuno di noi, piccolo o grande che sia, è un artista.

 

 

vai al sito del free festival

 

 

Files
locandina   836.0 kB