Personal tools
You are here: Home zona 5 documenti Elenchi sulla scuola
« July 2017 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
 
Document Actions

Elenchi sulla scuola

by redazione — last modified 2010-11-30 10:25

dalla trasmissione "Vieni via con me" del 29 novembre 2010

Elenco degli ostacoli che deve superare ogni mattina per accompagnare i suoi figli a scuola
(legge Costanza Boccardi, mamma napoletana)

  1. Se la scuola non è pericolante, allagata, devastata dai vandali, occupata da senzatetto incolpevoli, allora parto mezz’ora prima perché da quando hanno accorpato le scuole, devo fare più strada e l’autobus passa ogni 40 minuti.
  2. Impreco contro le buche, perché a Napoli quando piove si aprono più strade che ombrelli.
  3. Mi fermo a comprare la carta igienica e il sapone perché non ci sono i soldi per il materiale igienico-sanitario.
  4. Aggiro, perché sono troppo alti per poterli scavalcare, cumuli di immondizia stillante liquami.
  5. Evito lo scarico fognario esterno, che gocciola da un mese sulle scale d’ingresso.
  6. Non possiamo chiamare i Vigili del Fuoco perché sarebbero costretti a chiudere anche questa scuola, che ci ospita da quando la nostra è chiusa per lavori, cioè dal 2003
  7. Ringrazio la maestra che è venuta a scuola con la febbre perché non ci sono soldi per le supplenti.
  8. Invidio le mamme di Milano per il tempo pieno: a Napoli solo 2 su 100 ne hanno diritto.
  9. Infine vorrei aiutare la mamma del compagno disabile di mio figlio Leone che dovrebbe avere sempre l’insegnante di sostegno e invece ce l’ha solo dalle 9.30 alle 10.30 e poi va via.
    E nessuno lo sostiene più.

 

Elenco dei pensieri di una ricercatrice sul tetto dell'Università di Roma
(legge Francesca Coin, uno dei ricercatori che manifestano contro la riforma dell’Università)

1. Almeno da quassù riesco a vedere l'orizzonte


2. Ci hanno detto che difendiamo i baroni. Ma qui sul tetto non se ne vede uno

3. Dopo dieci anni che faccio ricerca, devo ancora spiegare a tutti a cosa serve il mio lavoro

4. Dicono che i concorsi sono truccati. Per capire se è vero, mi piacerebbe poterne fare almeno uno

5. L'Università di Stato deve dimagrire, così può ingrassare l'Università privata

6. Gli scippi mi hanno sempre fatto paura. Ma non sapevo che si potessero scippare anche le Borse di studio


7. Sui tetti si sogna. Si sogna un'università pubblica, libera e aperta

8. Sono stanca di sentirmi dire che sono troppo giovane, che sono troppo vecchia, che ho pubblicato poco, che ho pubblicato troppo, che sono troppo autonoma, che sono troppo dipendente, che sono stata troppo all'estero, che non ci sono stata abbastanza.

9. Forse vado via da questo paese. Perché non posso più sentirmi inutile dopo tanti anni di ricerca

10.Forse rimango qui. Perché se se ne vanno i ricercatori, portano via il futuro. E senza futuro, il mio paese muore


Elenco del peggio e del meglio della scuola
(legge lo scrittore Domenico Starnone)

1. La scuola peggiore è quella che si limita a individuare capacità e meriti evidenti. La scuola migliore è quella che scopre capacità e meriti lì dove sembrava che non ce ne fossero.


2. La scuola peggiore è quella che esclama: meno male, ne abbiamo bocciati sette, finalmente abbiamo una bella classetta. La scuola migliore è quella che dice: che bella classe, non ne abbiamo perso nemmeno uno.

3. La scuola peggiore è quella che dice: qui si parla solo se interrogati. La scuola migliore è quella che dice: qui si impara a fare domande.

4. La scuola peggiore è quella che dice: c’è chi è nato per zappare e c’è chi è nato per studiare.

La scuola migliore è quella che dimostra: questo è un concetto veramente stupido.

5. La scuola peggiore è quella che preferisce il facile al difficile. La scuola migliore è quella che alla noia del facile oppone la passione del difficile.

6. La scuola peggiore è quella che dice: ho insegnato matematica io? Sì. La sai la matematica tu? No. 3, vai a posto. La scuola migliore è quella che dice: mettiamoci comodi e vediamo dove abbiamo sbagliato

7. La scuola peggiore è quella che dice: tutto quello che impari deve quadrare con l’unica vera religione, quella che ti insegno io. La scuola migliore è quella che dice: qui si impara solo a usare la testa.

8. La scuola peggiore rispedisce in strada chi doveva essere tolto dalla strada e dalle camorre. La scuola migliore va in strada a riprendersi chi le è stato tolto.

9. La scuola peggiore dice: ah com’era bello quando i professori erano rispettati, facevano lezione in santa pace, promuovevano il figlio del dottore e bocciavano il figlio dell’operaio.

La scuola migliore se li ricorda bene, quei tempi, e lavora perché non tornino più.

10.La scuola peggiore è quella in cui essere assenti è meglio che essere presenti. La scuola migliore è quella in cui essere presenti è meglio che essere assenti.