Personal tools
You are here: Home Venezia Notizie UNA SETTIMANA AGITATA PER UN FINE SETTIMANA (speriamo) TRAVOLGENTE - di Roberto Longo
Document Actions

UNA SETTIMANA AGITATA PER UN FINE SETTIMANA (speriamo) TRAVOLGENTE - di Roberto Longo

by Alberto Fiorin last modified 2008-11-28 23:12

Alcune notizie sulle varie attività previste per questa settimana in un breve articolo di Roberto Longo che uscirà, assieme a quelli su altre realtà italiane, sul Manifesto di mercoledì 26

A Venezia riparte anche l’altra metà dell’onda, l’onda lunga, quella di genitori e insegnanti, lavoratori precari, docenti e non, assieme a quella giovane e tumultuosa del movimento degli studenti.
Dopo aver individuato nella scadenza del 29 novembre la riemersione su vasta scala della soggettività della scuola, in un momento in cui si allargano crepe nella Maggioranza, (vedi Proposta di Parere di V.Aprea in VII Commissione della Camera), l’attività nella città anfibia , che non ha mai visto sosta, attraversando le grosse manifestazioni del 10 e del 30 di ottobre, si prepara ad una nuova settimana di mobilitazioni.

E’ il tema della cultura a dominare le iniziative infrasettimanali, ma purtroppo anche qui sfioriamo ogni giorno quella tragedia che si è consumata a Rivoli.

Nonostante gli sforzi del bilancio comunale, lo stato in cui versano le scuole è spesso penoso e ad alto rischio: in questi giorni evacuazione di 4 classi alla elementare S. Girolamo per cortocircuiti dovuti ad infiltrazioni e mercoledì 26, in mancanza di interventi adeguati, presidio al Consiglio Comunale.

L’Istruzione artistica, licei e Istituto d’arte, scendono in piazza a Mestre mercoledì 26, dal Corso del popolo a P. Ferretto, contro “il ridimensionamento delle discipline artistiche e di laboratorio” nel Paese che conserva la parte più cospicua del patrimonio artistico mondiale.

Ancora il 26 scuola aperta al Circolo Diaz, dalle 16 alle 21: dibattiti , laboratori, danze curde, e buffet.

Il 28 novembre l’onda anomala si rovescia a Palazzo Grassi, “luogo simbolico di una tendenza globale che si evidenzia anche a Venezia, dove, la cosiddetta Cultura con la C maiuscola, diviene, anche nelle sue varianti contemporanee, un terreno di investimento immediatamente produttivo su cui si dispiega una mole impressionante di lavoro precario e dequalificato, sia cognitivo che materiale, sia indigeno che migrante.”

All’IUAV (architettura), venerdì 28 dibattito su: (D)istruzione pubblica: scuola, università e ricerca nell’era Gelmini.

Sabato 29 mattina il comitato genitori del Comprensivo Colombo di Chirignago va in piazza a con striscioni e gazebo per dibattere, manifestare e giocare con i bambini. Poi nel pomeriggio...tutti a Mestre.

Infine Sabato 29 dalle 15.30 alle 19 le due onde, ricche della loro complementarietà, invaderanno e si incontreranno realmente nella storica piazza di Mestre, provenienti da piazzetta Coin e dal park Candiani. Dal palco centrale si terrà una maratona di brevi interventi, alternati da musica, satira e letture. Punti attrezzati: video, animazione piccoli e ristoro/giovani. Poi concerto finale.

Sabato 29 novembre '08 in piazza Ferretto a Mestre, h 15.30 concentramenti, h16.00 festa di protesta...con la scuola sempre in testa!!!
dall'infanzia all'università....tutta la scuola ...sulla cresta dell'onda. Mobilitazione nazionale
Movimento veneziano per la difesa della scuola pubblica