Personal tools
You are here: Home Venezia Notizie Scuola elementare S. Girolamo: emergenza sicurezza.
Document Actions

Scuola elementare S. Girolamo: emergenza sicurezza.

by Alberto Fiorin last modified 2008-11-27 01:11

Occorre un piano organico di messa a norma delle scuole anche a Venezia. Drammatica la situazione alla S. Girolamo come evidenziato da una mozione del Consiglio di Circolo qui sotto riportata.

IL CONSIGLIO DI CIRCOLO
DEL CIRCOLO DIDATTICO “SAN GIROLAMO”
RILEVATO CHE

il quadro emergente dalle sempre più numerose notizie di cronaca, - in cui si inquadra l’assurda tragedia di Rivoli -  e confermato da dati delle stesse Autorità degli organi di Governo preposti, come da dossier giornalistici o di associazioni di cittadini,  evidenzia come un'elevata percentuale delle strutture scolastiche italiane versi in condizioni di non sicurezza e di rischio per alunni, studenti, insegnanti, personale ausiliario e dirigenti,

 

SI FA PORTAVOCE

Della grave e urgente situazione di rischio in cui versa da tempo il plesso s. Girolamo, e aggravata adesso da una nuova emergenza.

 

CONDIVIDE E SOSTIENE LA PREOCCUPAZIONE E LA PROTESTA  DEI DOCENTI E DEI GENITORI.

Il 13 novembre scorso infatti a seguito delle abbondanti piogge, infiltrazioni d’acqua hanno provocato cortocircuiti all’impianto elettrico esigendo l’intervento dei Vigili del Fuoco e lo sgombero di tutto il secondo piano dell’edificio.
Gli immediati, e necessari, interventi edilizi decisi dalla Municipalità renderanno necessario lo spostamento, duraturo per molti mesi, di quattro aule adibite alla didattica. La situazione che di conseguenza si  determinerà è che le classi interessate dovranno trovar posto in tre sale mensa, su cinque di cui il plesso dispone, dimezzando lo spazio mensa stesso e rendendo necessario i doppi o tripli turni, e in una piccola aula adibita alle attività audiovisive.
Questa soluzione comporterà disagi enormi nell’organizzazione scolastica, con conseguente pesante danno all’attività didattica, e una situazione di MANCANZA DI SICUREZZA nella scuola.

SI RICHIEDE PERTANTO CON FORZA ALLA MUNICIPALITA’ ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

che soluzioni più adeguate , sia per quanto riguarda la didattica, sia e soprattutto per quanto riguarda la SICUREZZA, vengano rapidamente cercate e adottate  per il plesso S. Girolamo, come ad esempio l’utilizzo di aule dell’adiacente Centro per l’educazione degli adulti CTP.

SI RILEVA INOLTRE CHE

da più di 20 anni la sede non e' stata oggetto di manutenzione adeguata e si e' progressivamente incrementato uno stato di degrado culminato nel più recente episodio citato. In particolare la sede
risulta mancante del certificato di agibilità, della messa a norma dell’impianto elettrico, del Certificato di Prevenzione Incendi, - in un complesso che ospita anche un grosso centro di cottura, una scuola materna e un CTP-  e della mancanza di una seconda via di fuga di sicurezza.

PIÙ IN GENERALE SI EVIDENZIA 

 come manchino nel territorio strutture alternative atte ad accogliere il trasferimento di classi o interi plessi per rendere possibile la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici, che non è possibile realizzare esclusivamente durante i mesi della pausa estiva, garantendo così sia il regolare proseguimento delle attività didattiche, sia gli interventi necessari.
In caso contrario, come è avvenuto sinora, si procrastinano nel tempo in maniera non accettabile interventi urgenti anche in presenza di progetti già finanziati.

SI EVIDENZIA INOLTRE CHE

anche altre situazioni esistenti nei plessi del Circolo vanno affrontate nei tempi più rapidi: copertura palestra e intervento sul sistema fognario del plesso Zambelli e l’intervento di stabilizzazione statica di un’ala del plesso Manzoni, sulla quale si sono da tempo aperte vistose fessure sul muro portante perimetrale interno.

SI RIBADISCE INFINE

la necessità di non limitare l'azione ad interventi palliativi o di efficacia limitata alla contingenza. E' tassativo mantenere un'attenzione sistematica e protratta nel tempo per tutti i problemi, grandi e piccoli, di sicurezza e di manutenzione straordinaria ed ordinaria delle strutture scolastiche.
Serve attivare un processo di normalizzazione pianificata, per riportare le strutture scolastiche ai livelli di sicurezza e di efficienza previste dalle norme e richieste dalle famiglie.

Venezia 26 novembre 2008