Personal tools
You are here: Home SenagoScuole Materiali Documento finale dell'Assemblea di Bologna del 6 settembre 2015
Document Actions

Documento finale dell'Assemblea di Bologna del 6 settembre 2015

by red — last modified 2015-09-08 15:25

Le prospettive del movimento nazionale per la resistenza contro la cosiddetta "Buona Scuola" di Renzi e per il rilancio della Scuola della Costituzione

Il 6 settembre, con la partecipazione di oltre 350 persone rappresentanti oltre 130 soggetti plurali in difesa della scuola pubblica – associazioni docenti e studenti, realtà territoriali, forze politiche e sindacali, soggetti impegnati in battaglie referendarie precedenti o future – si è tenuta un’assemblea presso l’Università degli studi di Bologna, organizzata dal Comitato Nazionale per il Sostegno alla Lipscuola. 

Preliminarmente, è stata riportata una breve sintesi del percorso del giorno precedente, durante il quale i comitati Lip e altri soggetti della scuola si sono impegnati a predisporre il percorso di ripartenza della attualizzazione della Lipscuola, al quale tutti sono stati invitati ad intervenire. 

È stata poi letta la relazione introduttiva elaborata dall’assemblea indetta dai comitati Lip il 5 settembre.

I 68 interventi che si sono susseguiti nel corso di 8 ore di lavoro ininterrotto hanno insistito sui due principali punti, evidenziati dalle conclusioni dell’assemblea che si è tenuta il 12 luglio a Roma:

-Prosieguo della mobilitazione contro la cosiddetta Buona Scuola

-Referendum

 

Grande spazio ha dunque trovato nell’assemblea la discussione sull’attivazione di percorsi all’interno delle singole scuole ed esterni alla scuola stessa per tenere alto il livello della mobilitazione e contestare i dispositivi definiti dalla legge 107. 

L’assemblea del 6 settembre ha poi trattato il tema del prosieguo della mobilitazione relativa alla scuola. In questo senso è stato deciso che:

· i soggetti del movimento intervenuti si impegneranno sui singoli territori nell’organizzazione del 23 settembre, Notte bianca della scuola, finalizzata al coinvolgimento dei genitori e della cittadinanza tutta da parte del movimento per la scuola. 

· L’assemblea ritiene indispensabile ed inderogabile l’indizione in tempi brevi di una Manifestazione nazionale unitaria e uno sciopero generale della scuola, che coinvolga tutte le forze sindacali e la società civile sui temi della conoscenza, della democrazia e del lavoro.

· Si aderisce alle assemblee del 13 settembre (Coalizione Sociale) e 14 settembre (Coordinamento per la Democrazia Costituzionale), propendendo per l’apertura di una nuova stagione referendaria.

·Si sostiene la giornata di mobilitazione della Rete della Conoscenza, dell’Unione degli Studenti, Link-Coordinamento Universitario (9 ottobre).

· Verranno organizzati flash mob davanti alle regioni e adesione alla fiaccolata di Illumin’Italia sabato 19/12/15, ore 20.30 (Scelgo un’Europa democratica con i giovani e per i giovani: scuola, sanità, sicurezza, patrimonio artistico)

 

È importantissimo affiancare la contestazione alla proposta. Difatti risulta imprescindibile coniugare la contestazione e il boicottaggio dei dispositivi de “La Buona Scuola” a una fase di creazione, pratica dell’alternativa (comitati di studenti, docenti, genitori di pressione sugli Organi Collegiali; o.d.g per sperimentare forme di didattica alternativa; commissioni paritetiche studenti-docenti per la sperimentazione della scrittura condivisa del POF; referendum studenteschi; rifiuto e denuncia dei percorsi di alternanza scuola lavoro che non rispettano vincoli sulla formazione e sui diritti). 

Pertanto, integrando quanto deliberato in luglio, sono state approvate le seguenti proposte:

- assemblee sindacali unitarie il primo giorno di scuola;

- inaugurazione dell’a.s. con un segno tangibile a sottolineare il dissenso (fiocco, lutto ecc)

- rifiuto di accettare l’incarico per le ore eccedenti

- possibile sospensione dell’elaborazione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa

 

In senso più ampio, a partire dall’assemblea, si approva la costruzione di un coordinamento nazionale delle scuole e dei gruppi e dei realtà di lotta contro la 107, che lavori anche con le altre realtà su temi di rilevanza sociale differenti dalla scuola.

L’assemblea si rivolge alle OOSS perché aprano subito un tavolo di trattative con il Miur per la sospensione della nomina del Comitato di Valutazione e l’utilizzo dei relativi fondi nel Fis/Mof. Si sollecita peraltro l’intervento del Parlamento in tal senso, anche con riferimento agli impegni assunti dai parlamentari intervenuti (Petraglia, Paglia di Sel; Montevecchi, Blundo, Gallo del Movimento 5 stelle; Mussini, Fassina del Gruppo Misto; Campanella, Bocchino de L’altra Europa per Tsipras; D’Attorre del PD) intenzionati a continuare la battaglia contro la legge 107, anche in previsione della discussione sulla Legge di Stabilità. 

Per quanto riguarda le modalità di intervento all’interno dei collegi docenti l’assemblea ha evidenziato posizioni articolate e non omogenee. Emerge il parere che la posizione da prendere debba essere contestualizzata in base ai rapporti di forza esistenti nei singoli collegi.

Confidando anche sul forte contributo che gli studenti potranno dare nel condividere la battaglia contro il premio assegnato dal dirigente scolastico, verranno messe a disposizione in rete nei siti delle varie associazioni modelli di mozioni e odg per collegi dei docenti e Consiglio di Istituto. Laddove non risulti possibile deliberare, scuola per scuola, il rifiuto dei collegio dei docenti di nominare il Comitato di Valutazione, così come modificato dalla l 107/15, si converge sulla necessità di rinviare il più possibile ogni nomina del comitato di valutazione, vincolandolo al mandato relativo alla validazione del servizio dei neo assunti. 

La mobilitazione contro la 107 non può ignorare che il nuovo piano di assunzioni crea discriminazione tra i docenti Gae e quelli di II e III fascia, poiché introduce l’obbligo di sostenere un concorso (dalla cui partecipazione sono esclusi i docenti di III fascia) ed elimina il doppio canale di assunzioni. Tale sistema impedisce di fatto ai docenti di II e III fascia di lavorare, come invece era garantito precedentemente. In particolare i rappresentanti dei docenti di III fascia hanno ribadito il proprio diritto al lavoro e all’abilitazione, chiedendo l’istituzione di uno specifico percorso abilitante per chi ha maturato e maturerà punteggio di servizio. 

L’assemblea chiede inoltre l’abrogazione del provvedimento previsto dalla legge di Stabilità che vieta la nomina dei supplenti nel primo giorno di assenza (docenti), nella prima settimana (collaboratori scolastici) e sempre (assistenti amministrativi).

L’assemblea esprime estrema preoccupazione per le deleghe previste dalla 107; in particolare si sottolineano la questione 0-6, e la possibile futura regionalizzazione e/o privatizzazione della scuola dell’infanzia statale, che – viceversa – deve continuare a far parte del sistema nazionale di istruzione pubblica. 

Si esprime altresì preoccupazione per le sorti del personale Ata, che rischia – il prossimo anno scolastico – di essere licenziato per effetto della mobilità del personale delle provincie. 

Infine, l’assemblea ribadisce l’assoluta imprescindibilità della laicità della scuola statale e denuncia, ancora una volta, l'assurdo privilegio della curia vescovile di poter selezionare secondo il proprio gradimento gli insegnanti di R.C. che, pur essendo equiparati agli altri insegnanti quanto a diritti e doveri, non sono egualmente liberi.

 

È stato chiesto ai presenti di pronunciarsi sulla possibilità di iniziare a vagliare tutti insieme un percorso referendario unitario, che tenga dentro non solo un eventuale referendum sulla scuola, ma anche Jobs act, riforme istituzionali e legge elettorali, difesa del territorio. Tale proposta è stata accolta dall’assemblea. Acqua bene comune, Libertà e Giustizia, Fiom hanno manifestato interesse nell’ipotizzare – verificate le condizioni di fattibilità – un percorso referendario comune e fortemente rappresentativo delle questioni sociali, fermo restando che ciascuno verificherà tale ipotesi al proprio interno. 

 

Nel corso della assemblea si è sottolineata la necessità di un percorso sinergico e condiviso, senza primogeniture e protagonismi, che transiti attraverso le valutazioni tecniche relative ad eventuali referendum emerse dalla relazione del prof Villone che, a nome del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, ha sottolineato la complessità sia nel merito che nel metodo del futuro eventuale percorso referendario. 

L’assemblea ha proposto la costituzione di due gruppi di lavoro: 

a) Comitato tecnico scientifico per l’individuazione, lo studio e l’elaborazione dei quesiti referendari – previo ascolto, verifica di fattibilità e conseguente accoglimento delle proposte provenienti dal mondo della scuola - da sottoporre alla decisione di una successiva assemblea; tale comitato sarà costituito da costituzionalisti ed esperti di legislazione scolastica. 

b) Gruppo di lavoro per la definizione dei temi dei quesiti referendari e delle strategie organizzative e di promozione di una tornata referendaria a carattere sociale, che vedrà la partecipazione di un membro designato da tutte le realtà che intenderanno aderire. 

Saranno stabiliti momenti di scambio e interlocuzione sostenuta tra i due gruppi, che lavoreranno in stretta relazione. 

L’assemblea prende atto della dichiarazione di disponibilità e appoggio, oltre che alla mobilitazione contro la 107, anche all’eventuale battaglia referendaria (di cui si parlerà in seguito) da parte di P.RC., Azione civile, Sinistra Anticapitalista e dei partiti di appartenenza dei parlamentari intervenuti (Sel, M5S, Altra Europa per Tsipras, nonché del gruppo misto).

 

L’assemblea decide di riconvocarsi entro il mese di gennaio per assumere le decisioni relative all’eventuale indizione dei referendum. 

Le organizzazioni sindacali Flc, Cobas, Gilda in merito al documento proposto - e in particolare relativamente alla adesione alle iniziative - si riservano di sottoporre le proposte alla discussione e alla delibera dei rispettivi organismi interni.

Alla conclusione dei lavori l’assemblea ha approvato il seguente documento di solidarietà con i migranti:

 

L'Assemblea Nazionale per la Difesa, il Rilancio e il Rafforzamento della Scuola della Costituzione riunitasi a Bologna il 5 e 6 settembre 2015 esprime solidarietà a tutte e tutti i migranti siano essi profughi di guerra o alla ricerca di una vita migliore e dignitosa.

Chiede a tutti governi dell'UE di accoglierli in maniera umana e solidale e allo stesso tempo chiede che vengano condannate ed emarginate quelle forze che si rifanno a politiche xenofobe e razziste.

L'Assemblea sostiene tutte le esperienze di solidarietà che in questi mesi sono state messe in campo a difesa delle lotte delle sorelle e dei fratelli migranti per la loro libertà di movimento nell'UE e per il loro diritto di asilo. Nessuno è straniero, siamo tutte e tutti migranti.

 

Viene stabilita la data dell'8 novembre, in sede da destinarsi, per aggiornare il percorso.

Hanno partecipato:

 

1. Adam associazione docenti abilitati per merito 

2. Adida Viterbo 

3. AiCA Siena 

4. Assemblea delle scuole Bologna 

5. Assemblea genitori insegnanti Liceo Righi Bologna 

6. Associazione Dieci in condotta 

7. Associazione difesa scuola pubblica Vicenza 

8. Associazione gessetti rotti 

9. Associazione Nazionale Illumin’Italia 

10. Associazione MIDA precari 

11. Associazione Nazionale Docenti 

12. Associazione Nazionale Per la Scuola della Repubblica 

13. Associazione non uno di meno Milano 

14. Associazione Ross@ 

15. Associazione Salviamo la costituzione 

16. Associazione Scuola della Repubblica Firenze 

17. Associazione sempre in lotta 

18. Associazione sempre in lotta Bologna 

19. Associazione Trapani cambia 

20. Autoconvocati CPIA Padova 

21. Autoconvocati scuole Roma 

22. Azione civile 

23. Centro sociale Labas occupato Bologna 

24. Cgil Bologna 

25. CGIL Carpi Modena 

26. Cidi 

27. Cobas 

28. Cobas Brescia 

29. Cobas Carrara 

30. Cobas Reggio Emilia 

31. Collettivo senza nome bologna studenti medi 

32. Comitato acqua bene comune 

33. Comitato art. 33 Bari 

34. Comitato art. 33 Milano 

35. Comitato bolognese Scuola e Costituzione 

36. Comitato insieme scuola pubblica Siena 

37. Comitato per la scuola pubblica 

38. Comitato pro scuola pubblica Bari 

39. Comitato Trotter Milano 

40. Comunità genitori per la scuola pubblica Modena 

41. Coop sociale verso casa Bologna 

42. Coordinamento 27 maggio Urbino e Pesaro 

43. Coordinamento docenti calabresi 

44. Coordinamento insegnanti ATA Ostia 

45. Coordinamento Nazionale Professori Associati (CONPASS). 

46. Coordinamento nazionale ricercatori universitari 

47. Coordinamento per la Democrazia costituzionale 

48. Coordinamento nazionale per la Scuola della Costituzione 

49. Coordinamento precari scuola Napoli 

50. Coordinamento provinciale Siena per la scuola 

51. Coordinamento regionale campano 

52. Coordinamento scuola pubblica Sovicille Siena 

53. Coordinamento scuole Corato 

54. Coordinamento scuole Versilia 

55. Coordinamento studenti medi Emilia Romagna 

56. Coordinamento TFA sostegno 

57. CPIA Padova 

58. DAT docenti autorganizzati Terni 

59. Ècole 

60. Educazione permanente Bolzano 

61. Fiom 

62. FLC Ancona 

63. FLC Bologna 

64. Flc Civitavecchia Roma nord Viterbo 

65. FLC Emilia Romagna 

66. FLC Lucca e Massa Carrara 

67. FLC Lucca Massa Carrara 

68. Flc Roma 

69. Gilda insegnanti 

70. Giovani comunisti Bologna 

71. Gruppo facebook un passo per l’abilitazione Milano 

72. Il sindacato è un’altra cosa, Opposizione CGIL 

73. Intersindacale Brescia 

74. ISIS il Pontormo Empoli 

75. L’altra Emilia Romagna 

76. L’altra Europa con Tsipras 

77. La buona scuola siamo noi Massa 

78. Legambiente Bologna 

79. Libertà e giustizia 

80. Link 

81. LIP Avellino 

82. LIP Bologna 

83. LIP Cattolica (RN) 

84. LIP Città di castello 

85. Lip Ferrara 

86. LIP Firenze 

87. Lip Forlì 

88. Lip Gorizia 

89. LIP Jesi 

90. Lip Lamezia 

91. LIP Milano 

92. LIP Napoli 

93. Lip Padova 

94. LIP Palermo 

95. Lip Perugia 

96. LIP Pesaro 

97. LIP Roma 

98. LIP S. Giovanni Rotondo 

99. LIP Senigallia 

100. LIP Trento 

101. LIP Udine 

102. LIP Verona 

103. LIP Vicenza 

104. Lip Viterbo 

105. Manifesto dei 500 Torino 

106. Manifesto in rete Bologna 

107. Mida precari Cremona, Bergamo 

108. Movimento cinque stelle 

109. O.R.S.A. scuola Calabria 

110. Partigiani scuola pubblica 

111. Partigiani scuola pubblica Veneto 

112. PRC 

113. PRC regione Lazio 

114. Precari uniti per un nuovo Pas 

115. Rete degli studenti medi Modena 

116. Rete della conoscenza 

117. Rete scuole 

118. Rete scuole Concorezzo (MI) 

119. Rete scuole primarie Milano 

120. SEL 

121. Sinistra anticapitalista 

122. U.S.I. unione sindacale italiana 

123. Unicobas 

124. Unicobas scuola Lombardia 

125. Unione degli studenti 

126. USB scuola Bologna 

127. USB scuola Firenze 

128. Waterloo scuola collettivo nazionale docenti