Personal tools
You are here: Home Non Rubateci il Futuro Blog NO al tetto del 30% dalla Scuola Di Donato, Roma
Document Actions
Roma, 2010-01-10

NO al tetto del 30% dalla Scuola Di Donato, Roma

submitted by maria grazia0 comment(s)
Dissenso dal Comitato Genitori Scuola Di Donato, Esqulino, Roma

La scuola Di Donato ha sede nel rione Esquilino, quartiere romano con una forte presenza di immigrati. La fiducia delle famiglie, migranti e non, verso la scuola Di Donato si è consolidata negli anni grazie ad una politica dell´accoglienza e ad una pratica educativo-didattica, messa in atto dai dirigenti scolastici e dal corpo docente, che si è andata sempre più perfezionando, e la cui caratteristica è stata quella di aver saputo organizzare non solo le risorse interne, ma anche quelle territoriali. Questo ha permesso alla scuola di raggiungere eccellenti risultati sul piano didattico e della socialità creando un osmosi con il quartiere, offrendo e ricevendo una serie di servizi di aggregazione destinati ad adulti e bambini.

Noi genitori della Scuola Di Donato affermiamo un forte dissenso contro la proposta del ministro Gelmini di porre un tetto del 30% di stranieri nelle scuole.

Tale proposta, che consideriamo demagogica e di impossibile realizzazione, costituisce un gesto di discriminazione nei confronti delle famiglie migranti che, di fatto, non potranno più scegliere la scuola dove mandare i propri figli e non valorizza quelle realtà scolastiche miste che dovrebbero essere invece opportunamente sostenute e finanziate, proprio perché fanno dell´integrazione un percorso  virtuoso e proficuo per tutti i propri alunni.

Ricordiamo che sempre più spesso i bambini migranti vivono in famiglie che risiedono in Italia da anni, sono nati nel nostro Paese, sono stati cresciuti e scolarizzati insieme a tutti gli altri bambini, conoscono e parlano correttamente la nostra lingua. Li caratterizza non l´essere straniero, ma lo status di cittadini non italiani, e questo semplicemente in virtù del fatto che la legge italiana non garantisce la cittadinanza a chi nasce nel nostro Paese.

Noi riteniamo, quindi che, piuttosto che l’introduzione di quote massime di migranti nelle classi, bisognerebbe creare le condizioni affinché le famiglie migranti possano sentirsi accolte in qualsiasi scuola, e affinché  le paure, spesso immotivate, delle famiglie italiane vengano superate attraverso la  conoscenza dell’eccezionale lavoro che si fa nelle scuole multiculturali per creare un’Italia accogliente, aperta, moderna.

 

IL COMITATO GENITORI DELLA SCUOLA DI DONATO