Personal tools
You are here: Home ReteScuole Seminario 1 febbraio '09
di red
Domenica 1° febbraio si è tenuto il seminario di riflessione dell'assemblea delle scuole del milanese con lo scopo di garantire uno spazio di dibattito e approfondimento al di là delle contingenze immediate sui metodi di lotta, sulle forme di mobilitazione, sulle riforme in atto. Ogni gruppo ha terminato i lavori con conclusioni o proposte operative da far circolare.
brake
gruppo relazioni studenti - docenti
RELAZIONI STUDENTI - DOCENTI
di Grazia Conforti e Claudio Nicrosini
La relazione didattica adulti/adolescenti nelle superiori è sempre stata un punto critico di quel tipo di scuola. Non a caso gli studenti rivendicano l'autoformazione anche come forma di contestazione alla scuola così come è oggi. Che spazi ci sono per una didattica alternativa nella scuola con o senza la Gelmini? Che cambiamenti devono attuare i docenti nei metodi e nell'approccio verso gli studenti? Che spazi gli studenti hanno la possibilità di prendersi senza permessi? All'interno di questo punto può trovar spazio la riflessione sul modello didattico peggiorativo della relazione docenti/studenti che il progetto di legge Aprea suppone, con l'aziendalizzazione e la segmentazione gerarchica del corpo docente.
gruppo valutazione
VALUTAZIONE
di Cristina Mecenero, Gioconda Pietra e Vita Cosentino
L'imposizione dei voti numerici da parte della Gelmini nelle elementari e nelle medie non è un dato secondario del disegno di restaurazione in atto. Il gruppo si propone di ripercorrere anche storicamente le ragioni che hanno portato la scuola a fare a meno dei voti, le implicazioni delle misure che vengono imposte alle scuole, quali spazi di resistenza ci sono.
gruppo ricorsi
RICORSI
di Roberto Longo e Bruno Moretto
Una strada che si sta rivelando praticabile per il movimento contro i provvedimenti Gelmini è quella dei ricorsi al TAR del Lazio: L’FLC-CGIL ha impugnato la Circolare sulle iscrizioni, la scuola Iqbal Masih, assieme al CIDI e al CGD, il Piano Programmatico. Scopo del gruppo è quello di studiare il quadro di illegittimità del percorso legislativo in atto e la possibilità di dare vita a più ricorsi di scuole e comitati nelle varie città, attivando anche per questa via nuove energie per la resistenza.
gruppo riordino superiori
RIORDINO SUPERIORI
di Mario Piemontese
Anche se la "riforma" è stata rimandata di un anno, nei fatti già da ora le scuole saranno coinvolte nella discussione sul loro destino. Non solo riduzione oraria, ma sconvogimento dei quadri orari, sparizione delle sperimentazione, aggregazione delle classi di concorso. Il gruppo ha lo scopo di "formare" un gruppo di docenti competenti nella materia e dunque utilizzerà il tempo a studiare e commentare i documenti usciti sino ad oggi e quelli che circolano ufficiosamente e a cercare di comprendere che spazi e che tempi di resistenza si possono trovare. All'interno di questo gruppo può trovar spazio anche la tematica sicurezza/numero di studenti per classe che eventualmente può separarsi come gruppo autonomo, magari nel pomeriggio.
gruppo quale resistenza
QUALE RESISTENZA
di Elena Miglietta, Beatrice Damiani e Maria Grazia Sala
Poniamo che... passi tutto o quasi tutto. Ce ne torniamo a casa? Ci limitiamo alle manifestazioni? Sulla scorta dell'analisi puntuale degli ordinamenti e dei regolamenti, il gruppo si propone di studiare e quindi veicolare poi successivamente tutte le possibilità di resistenza attiva, passiva o di disobbedienza che possiamo mettere in campo senza farci troppo male.
gruppo medie
MEDIE
di Miriam Petruzzelli
L’incontro si prefigge di riformulare un discorso sulle ricadute della legge Gelmini sulla scuola media in seguito alla recente pubblicazione dei regolamenti e delle circolari. L’obiettivo è riprendere un’azione informativa specifica e rilanciare forme di resistenza integrate nel quadro generale di proposte emerse nella giornata di studio in corso, rivolte sia ai nuovi iscritti che a coloro che si avviano a proseguire o concludere il triennio di scuola secondaria inferiore.