Personal tools
You are here: Home ReteScuole A scuola
» A scuola
brake

Attualità: gli articoli recenti

Ai presidenti dei consigli di circolo e di istituto, ai genitori, agli studenti, ai lavoratori della scuola
Questo anno scolastico lo Stato spenderà per ogni studente delle scuole private (900 mila) 580 euro mentre per gli 8 milioni di studenti della scuola pubblica si arriva a 75 euro sommando spese di funzionamento e per le supplenze.

Pubblicata il 4 agosto la Circolare Ministeriale relativa all'organico di fatto per il personale docente delle superiori
Indicazioni per la costituzione di cattedre con meno di 18 ore e per l'utilizzo del personale in esubero.

A.S. 2010/2011: organico di sostegno per la scuola primaria e secondaria di primo grado
A Milano 2,4 alunni per insegnante alle elementari e 2,6 alle medie.

Pubblicata la Circolare Ministeriale relativa all'adeguamento degli organici di diritto alle situazioni di fatto per l'a.s. 2010/2011
Nella circolare si fa riferimento al decreto interministeriale n. 55 del 6 luglio 2010.

Pubblicato l'organico di diritto della secondaria di secondo grado milanese
Il 12 luglio 2010 l'USP di Milano ha pubblicato l'organico di diritto della scuola secondaria di secondo grado milanese per l'a.s. 2010/2011

Pubblicato l'organico di diritto della secondaria di primo grado milanese
Il 6 luglio 2010 l'USP di Milano ha pubblicato l'organico di diritto della scuola secondaria di primo grado milanese per l'a.s. 2010/2011

Non c'è tempo da perdere: 27 e 28 Maggio occupazioni e informazione alla città, il 3 Giugno all'Ufficio scolastico
Per preparare le giornate di mobilitazione ci diamo appuntamento il 25 Maggio alle ore 21 alla scuola di viale Romagna 16

Riflessioni educative: gli articoli recenti

A scuola imparavamo a sparare, e poi...
di Jasmina Radivojevic
Con il progetto “Allenati per la vita”, i ministri Gelmini e La Russa introducono nella scuola superiore corsi di pratica militare. Sulla scorta della mia esperienza di gioventù, indirizzo questa lettera ai ministri Gelmini e La Russa, perché possano riflettere sul tipo di società e futuro che vogliono creare al loro popolo.

La scuola con l'elmetto
di Flavio Lotti
Agli studenti insegneremo a mirare, sparare e tirare con l'arco. è questa la scuola che vogliamo?

Scuola pubblica e alunni stranieri
di Luigi Ambrosi
…E SE IL MIO VICINO DI BANCO PARLA UN’ALTRA LINGUA? (Milano, 28 Febbraio 2009)

Valutare nel terzo millennio
di Claudia Fanti
Altro che i voti!

Per una valutazione degli apprendimenti
di Red
Invitiamo le scuole a non recedere da modalità di valutazione finalizzata all’apprendimento, anzi a intensificarne la sperimentazione e l’uso

Come valutare “cose” complesse
di Guido Armellini
Trovate qui tre racconti, uno per ogni ordine di scuola: elementari, medie e superiori. Cominciano a dire qualcosa di ciò che capita quando la valutazione incontra davvero i corpi, i vissuti, i desideri di chi insegna e di chi impara. Aspettiamo le vostre storie, quelle che volete mettere a disposizione di tutti e di tutte, per delineare assieme una diversa concezione della valutazione.

Dell’imperatrice e altre faccende
di Vita Cosentino
Trovate qui tre racconti, uno per ogni ordine di scuola: elementari, medie e superiori. Cominciano a dire qualcosa di ciò che capita quando la valutazione incontra davvero i corpi, i vissuti, i desideri di chi insegna e di chi impara. Aspettiamo le vostre storie, quelle che volete mettere a disposizione di tutti e di tutte, per delineare assieme una diversa concezione della valutazione.

Valutare: le parole nel tempo
di Maria Cristina Mecenero
Trovate qui tre racconti, uno per ogni ordine di scuola: elementari, medie e superiori. Cominciano a dire qualcosa di ciò che capita quando la valutazione incontra davvero i corpi, i vissuti, i desideri di chi insegna e di chi impara. Aspettiamo le vostre storie, quelle che volete mettere a disposizione di tutti e di tutte, per delineare assieme una diversa concezione della valutazione.

VOTI? NO GRAZIE
di Movimento di autoriforma della scuola
Ai bimbi e alle bimbe, no, i voti non si possono dare. Le maestre lo sanno bene.

Premiare il merito e valorizzare la mediocrità eccellente
di Gabriele Chiesa
Dio ci scampi dai meritevoli! Chi è il primo della classe?