Personal tools
You are here: Home ReteScuole Notizie Decisioni dell'Assemblea delle scuole del milanese
Document Actions

Decisioni dell'Assemblea delle scuole del milanese

by Assemblea delle scuole del milanese — last modified 2009-04-19 15:59

Ecco le decisioni assunte dall’Assemblea delle scuole del milanese 17 aprile 2009 presso Chiamamilano

Scuole presenti: IC Morosini-Manara Milano; LSS Marconi Milano; Elem. Romagna/Comitato zona 3 Milano; ITSOS Stainer Milano; ITIS Curie Milano; LA Brera Milano; ITC Moreschi-Cattaneo Milano; ICS Don Milani Monza; IC Bodio-Guicciardi Milano; Ist Cremona-Zappa Milano; ITCS Levi Bollate; IC Rinascita-Livi Milano; IC Costa Cinisello B.; IC Thouar Gonzaga Milano; IC Franceschi Trezzano S.N.; Ist. Ghandi Besana Brianza; Elem. e Materna Muzio Milano; Elem. Martinengo/Puglie Milano; Elem. Novaro-Ferrucci Milano; Elem. L.da Vinci Milano; IC Franceschi Milano/Comitato zona 2; Elem. Clericetti Milano; Elem. Palmieri Milano

1) INCONTRO NAZIONALE FIRENZE - MANIFESTAZIONE NAZIONALE
Si decide di non proporre una manifestazione nazionale centrale (Roma?) di difficile organizzazione e di incerta riuscita in questa fase e periodo dell’anno, ma una giornata nazionale di iniziative contro il taglio degli organici e per la scuola di qualità organizzate localmente. La data potrebbe essere il 16 maggio, non oltre per le diverse scadenze di fine anno scolastico.

2) COMUNICAZIONE-INFORMAZIONE
Si ritiene indispensabile utilizzare l’ultimo periodo di anno per una capillare campagna di informazione e comunicazione su questi aspetti.
2a) Situazione organici, sottolineando quanto si è “incassato” grazie alla battaglia da settembre ad oggi (doppio organico nelle scuole a solo TP) e quanto invece si è perso dove il movimento è stato meno incisivo (Modulo) e quanto ancora si rischia per il prossimo anno (i tagli proseguiranno). Si devono preparare volantini diversi per diversi livelli di scuola e “personalizzabili” da situazione in situazione (province, scuole, sezioni ecc.). La diffusione dovrà essere capillare in ogni scuola.
2b) Preparare veri e propri “Vademecum di resistenza” per le scuole ma anche per i singoli cittadini che vogliano attuare forme di disobbedienza civile contro la distruzione della scuola pubblica. Ad esempio cosa può fare un Collegio Docenti/Consiglio di Istituto contro i tagli; contro l’uso delle compresenze per coprire supplenze; contro l’affollamento delle classi; contro le adozioni dei libri di testo; contro il 5 in condotta; contro la violazione delle norme di sicurezza ecc.
La FLC Cgil milanese sta valutando la possibilità di sciopero dello straordinario con la possibilità di rifiutare le sostituzioni anche in caso di ordine di servizio che verrebbe impugnato dalle OOSS. Ricordiamo che dividere i bambini in caso di assenza dell’insegnate vuol dire ledere il diritto allo studio sia dei bambini che vengono distribuiti nelle classi sia dei bambini che li ricevono.
2c) Preparare un documento chiaro e comprensibile per i genitori sulla grave situazione finanziaria delle scuole: tagli FIS, tagli fondi supplenze; tagli fondi diritto allo studio ecc. Questo aspetto è stato “tralasciato” in questi mesi di battaglia anti-gelimini ma deve essere assolutamente assunto con forza. È importante che si rendano pubblici i bilanci delle scuole specie se in negativo.

3) RICORSI
Si offre la massima disponibilità all’adesione collettiva ai ricorsi che si riterrà di intentare contro le diverse normative gelminiane (circolari e regolamenti attuativi).

4) Si organizzerà un’iniziativa presso l’Ufficio Scolastico Regionale chiedendo la collaborazione e partecipazione delle Organizzazioni Sindacali, in occasione dell’insediamento del nuovo direttore.

5) Il 26 aprile si conferma la partecipazione all’iniziativa organizzata dal Comitati di Monza e Brianza est a Monza.

6) Il prossimo incontro sarà l’8 maggio alle 17.30 presso Chiamamilano (l.go Corsia dei Servi) per preparare l’iniziativa del 16 in base alle indicazioni discusse preventivamente nei comitati e in mailing list milanese.

Alberto Ciullini, Comitato Zona 2 Milano