Personal tools
You are here: Home La parola alle maestre MAESTRE IN RICERCA E IN MOVIMENTO La parola di altre, altri, sulle maestre Luisa Muraro - Maestro unico, una scelta sbagliata
Document Actions

Luisa Muraro - Maestro unico, una scelta sbagliata

by Red — last modified 2013-01-07 22:40

Particolarmente chiarificatrice di confusioni ed ambiguità correnti, in contrasto con il parere di Marco Rossi Doria, ex maestro di strada - lettera a il manifesto del 21 settembre 2008

Caro Manifesto,

a me non dispiace che si dia ascolto alle ragioni di chi è distante dalle posizioni di sinistra, ma l'intervista a Marco Rossi Doria "Sì al maestro unico" di domenica è l'esempio sbagliato di quello che ho in mente.

L'intervistato dice e non dice, un colpo alla botte e uno al cerchio, nessun taglio netto, solo luoghi comuni (tipo: più risorse alla scuola). Quanto agli argomenti che porta, li trovo scarsi.

Due sono gli argomenti forti che io ho ascoltato contro la pseudoriforma Gelmini sul punto del maestro unico:

  1. la didattica dell'insegnamento elementare non è elementare e domanda una preparazione che conviene affidare a più insegnanti;
  2. è stupido e sbagliato voler cambiare le cose che stanno andando bene, com'è il caso della scuola elementare.

Rossi Doria conosce gli argomenti e sembra d'accordo con essi. Allora, che cosa lo inclina verso la posizione dell'inesperta quanto invadente ministra della scuola? Questo è l'argomento di Rossi Doria: "ritengo più rassicurante per un bambino una figura unica". 

Per quello che io so e che innumerevoli altre persone sanno, dai comuni genitori ai migliori pedagogisti, questa tesi, nel suo semplicismo, è sbagliata: quello di cui una bambina, o un bambino, ha bisogno è la continuità, non l'unicità; quello che chiede soprattutto è che le persone adulte che si occupano di lei/lui vadano fra loro d'accordo; quello che può utilmente imparare, dall'età di sei anni, è una certa pluralità di riferimenti.
Restano tante altre cose da dire: io mi fermo per chiedere alle maestre di prendere loro la parola, come hanno già cominciato a fare. Senza scoraggiarsi, si facciano sentire, nella maniera più semplice, scrivendo lettere ai giornali con i loro argomenti, le loro esperienze, le loro prese di posizioni.
E per chiedere, in generale, di non lasciar sole le maestre, che hanno il merito grandissimo di tenere alta la qualità della scuola pubblica elementare