Personal tools
You are here: Home Movimento Scuola Precaria Articoli e inchieste Circolare Regionale sull'Attivazione di ore aggiuntive al sostegno
Document Actions

Circolare Regionale sull'Attivazione di ore aggiuntive al sostegno

by msp — last modified 2009-09-30 02:43

Con questa circolare viene concesso ai presidi di integrare le ore di sostegno, qualora quelle ottenute fossero insufficienti o nel caso di "nuovi accertamenti e di iscrizioni di nuovi alunni disabili", offrendo spezzoni, fino a un massimo di sei ore, a docenti, anche senza specializzazione, già presenti in organico con nomina a tempo indeterminato e determinato (per quest’ultimi anche a completamento di nomine su spezzoni).

La circolare mostra tutta la schizofrenia in cui è precipitata la gestione dell’Istruzione Pubblica in quest’epoca di tagli indiscriminati. Schizofrenia di un Provveditore Provinciale agli Studi che, da una parte, ammette la drammatica carenza dell’organico di sostegno già concesso alle diverse sedi scolastiche e, dall’altra, nella logica di risparmiare il più possibile, concede un’integrazione delle ore di sostegno, ma a costi ridotti. Viene, infatti, concesso ai presidi di integrare le ore di sostegno, qualora quelle ottenute fossero insufficienti o nel caso di "nuovi accertamenti e di iscrizioni di nuovi alunni disabili", offrendo spezzoni, fino a un massimo di sei ore, a docenti di sostegno o anche curricolari già presenti in organico con nomina a tempo indeterminato e determinato (per quest’ultimi anche a completamento di nomine su spezzoni).

Le conseguenze sono gravissime; innanzitutto, sulla qualità del servizio reso: un alunno disabile potrebbe trovarsi nell’assurda dimensione formativa di essere seguito da due o tre docenti diversi e, cosa ancor più pericolosa, anche da personale non qualificato! Sul piano dei tagli, emerge poi chiara la precisa volontà di non fornire posti di lavoro in più, anche a fronte di necessità documentate e urgenti.

Tutto questo è inaccettabile, perché squalifica il servizio offerto dalla scuola pubblica e squalifica la professionalità dell’intera categoria degli insegnanti. Per questo crediamo che i nostri colleghi, sia precari che di ruolo, non debbano assolutamente accettare alcun prolungamento all'orario minimo previsto dal contratto nazionale di lavoro!!