Personal tools
You are here: Home Formazione classi Sicurezza e affollamento aule scolastiche
« May 2017 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
 
Document Actions

Sicurezza e affollamento aule scolastiche

by CESP Padova — last modified 2009-02-15 23:37

diffida ai dirigenti scolastici dai cobas di Padova

Ai Dirigenti Scolasctici
di tutti gli Istituti della provincia di Padova;
e p/c all’USP di Padova – USR di Venezia – all’Assessore comunale ai servizi scolastici – all’Assessore provinciale all’edilizia scolastica – all’Ufficio competente VVFF e allo SPISAL


Oggetto: Sicurezza e affollamento aule scolastiche

Preme sottolineare a questa organizzazione sindacale che lo Schema di Regolamento recante “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133”, approvato dal Consiglio dei Ministri del 18 dicembre scorso, prevede la formazione delle classi - dall’anno scolastico 2009/2010 - con un incremento dell’attuale numero di studenti per aula.

A nostro avviso, ciò è in evidente contrasto con il dettato dell'art. 5 D.M. 26 agosto 1992 "Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica", che attualmente regola la materia assieme al D.L. 09/04/08 n.81 (Testo Unico Sicurezza).
Il suddetto art.5 recita, infatti: “Il massimo affollamento ipotizzabile è fissato in 26 persone/aula. Qualora le persone effettivamente presenti siano numericamente diverse dal valore desunto dal calcolo effettuato sulla base della densità di affollamento, l'indicazione del numero di persone deve risultare da apposita dichiarazione rilasciata sotto la responsabilità del titolare dell'attività”.

Si desume che tale "densità di affollamento", definita come persone/mq, debba essere rispettata nelle misure stabilite dal D.M. 18 dicembre 1975 (“Norme tecniche aggiornate relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica”) e cioè mq netti 1.96 nelle scuole superiori di secondo grado e mq netti 1.80 per alunno in classe per gli ordini inferiori di scuola.

Pur conoscendo bene la consuetudine di procedere alla richiesta di deroga dal limite di cui all' art. 5 agli organi competenti per la sicurezza antincendio, questa organizzazione sindacale intende ribadire i Contenuti Essenziali di tale istanza di deroga (DPR n.37/1998 e DM 4 maggio 1998):

1. • Disposizioni normative alle quali si chiede di derogare
2. • Caratteristiche e/o vincoli che motivano la richiesta
3. • Valutazione del rischio aggiuntivo conseguente
4. • Misure tecniche per compensare il rischio aggiuntivo

Posto che il Corpo nazionale dei VVFF in un documento pubblico individua la possibilità di ricorrere alla procedura di deroga quando (Rif. art. 6 DPR 37/1998 - art. 5 DM 4/5/1998): “...la presenza di vincoli di natura strutturale, impiantistica, edilizia, storico/architettonica, ecc., non consenta di rispettare uno o più punti delle disposizioni antincendio vigenti. Per tenere conto di questi casi, il legislatore ha previsto l'istituto della deroga che consente di sanare situazioni non altrimenti risolvibili prevedendo idonee misure tecniche alternative in grado di garantire un livello di sicurezza non inferiore a quello ottenibile con l'integrale rispetto della norma (concetto di sicurezza equivalente)…”.

Preso atto di quanto sopra, questa organizzazione sindacale osserva che il vincolo portato dallo Schema di Regolamento recante “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica…" che aumenta oltre la soglia di 26 il numero di alunni per classe non sembra appartenere alle fattispecie citate nell'istituto di deroga.

Si invitano pertanto i Sig.ri Dirigenti Scolastici nella loro molteplice funzione di responsabili della razionalizzazione della spesa (comma 5 dell’art. 64 della legge 133) e del rispetto dei parametri relativi alla formazione delle classi conseguenti ai tagli (comma 6 dell’art.4 dello Schema di Regolamento in questione), ma anche di responsabili della sicurezza come datori di lavoro, ai sensi del D.L. 81 del 2008:
1. a non mettere in atto misure che innalzino il livello di rischio per gli alunni ed il personale scolastico, mettendone a repentaglio la sicurezza;
2. ad indirizzare le proprie azioni tenendo presente che nel citato D.L. 81/08 - TESTO UNICO DELLA SICUREZZA SUL LAVORO, che sostituisce ed integra la Legge 626, - la scuola è indicata come luogo privilegiato per promuovere la cultura della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Padova, 3 febbraio 2009
per i Cobas della scuola di Padova e provincia
Carlo Salmaso