Personal tools
You are here: Home Coordinamento zone 6/7 notizie CONSEGNATI I MODULI ALL'UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE MILANO
Document Actions

CONSEGNATI I MODULI ALL'UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE MILANO

by Marta Bianchi — last modified 2009-03-24 00:00

Il 19 marzo, una delegazione di genitori e insegnanti dell’Assemblea delle Scuole del milanese è stata ricevuta dal Dott. Antonio Lupacchino, Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Milano. La delegazione ha presentato i moduli contenenti oltre 28.000 firme di genitori per iscrizioni e conferme al modello didattico, raccolte dalle Segreterie della Buona Scuola, e ha consegnato un documento, con i dati della raccolta in dettaglio. Il Dott. Lupacchio ha inoltre risposto alle numerose domande che gli sono state poste dai genitori e dagli insegnanti presenti

Alle 
numerose domande poste da genitori e insegnanti, il Dott. Antonio 
Lupacchino ha risposto dichiarando quanto segue.
1. Per il prossimo anno a ogni scuola verrà assegnato l’organico di istituto, non più di diritto, vale a dire un organico che subirà poche variazioni una volta 
che le classi saranno definitivamente formate.
2. L’organico di istituto per la scuola primaria sarà così calcolato: 2 insegnanti per ogni classe a tempo pieno e un numero di insegnanti sufficiente a 
garantire le 27 o 30 ore (Modulo) e qualche ora di mensa. 
3. L’insegnamento della lingua inglese sarà garantito nella scuola primaria.
4. L’organico di istituto per la scuola secondaria di I grado sarà così 
calcolato: un numero di insegnanti sufficiente a garantire le 30 ore o 
le 36 ore. L’organico per il tempo prolungato a 36 ore sarà calcolato 
sulla base delle 36 ore e non sulla base delle 40 ore, come negli 
scorsi anni.
5. Il numero di distacchi per i progetti di alfabetizzazione e integrazione degli alunni stranieri aumenterà di qualche unità.
6. Il numero di insegnanti di sostegno aumenterà portando il rapporto attuale di un insegnate ogni 2,32 alunni al rapporto di un insegnante ogni 2 alunni.
 
Il Direttore ha invitato 
genitori e insegnanti a tornare da lui nel caso quanto da lui 
dichiarato non trovasse riscontro nella realtà concreta dei fatti. 
 
Nonostante quanto affermato, molte restano le questioni da chiarire. 
1. L’assegnazione dell’organico di istituto “scarica” completamente sui 
dirigenti scolastici la risoluzione di qualsiasi problema di carattere 
organizzativo.
2. Per quanto riguarda le 27 o 30 ore nella scuola 
primaria (Modulo) non ci sono garanzie per quanto riguarda la presenza 
di insegnanti della classe durante la mensa. Questo non esclude quindi 
che nelle scuole dove ci sono classi a Tempo Pieno e a Modulo, i 
dirigenti non siano costretti di utilizzare le ore di compresenza per l’
assistenza durante la mensa delle classi a 27 o 30 ore.
3. L’insegnamento della lingua inglese è garantito, ma non si sa se da 
insegnanti specialiste o da insegnanti specializzate. Il dubbio sorge 
visto che il piano programmatico prevede il taglio di tutte le 11.200 
insegnanti specialiste di lingua inglese. Inoltre l’utilizzo di 
insegnanti specializzate al posto di insegnanti specialiste provocherà 
non pochi problemi all’organizzazione scolastica.
4. Calcolando l’organico per il tempo prolungato a 36 ore sulla base delle 36 ore, salteranno tutte le ore di compresenza per la scuola secondaria di 
primo grado.
5. Quest’anno nelle scuole di Milano e Provincia sono 
stati destinati 94 facilitatori linguistici per 46.000 alunni stranieri. Anche se il numero aumenterà di qualche unità saranno sempre troppo pochi.
6. Per quest’anno i dirigenti scolastici delle scuole di 
Milano e Provincia avevano richiesto 9.000 insegnanti di sostegno, ma 
ne sono stati assegnati solo 4.500 per più di 10.000 alunni 
diversamente abili. Quindi 1.000 insegnanti in più aiutano, ma non 
risolvono di certo il problema.