Personal tools
You are here: Home Coordinamento zone 6/7 MOZIONE DEL COLLEGIO DOCENTI DI PIAZZA SICILIA SUI BILANCI IN ROSSO
Document Actions

MOZIONE DEL COLLEGIO DOCENTI DI PIAZZA SICILIA SUI BILANCI IN ROSSO

by Marta Bianchi — last modified 2009-09-21 22:27

Il Collegio Docenti, riunitosi il 10.09.2009, segnala con allarme la grave situazione economica dell’Istituto, un bilancio in rosso a causa del mancato versamento da parte dello Stato dei crediti dovuti alle scuole, crediti che aumentano accumulandosi di anno in anno (e che nel nostro Istituto ammontano ormai a Euro 85.814,16).

 SC. PRIMARIA  “NovaroFerrucci”  P.zza Sicilia 2  Milano
Bilanci scolastici inadeguati
Il Collegio Docenti, riunitosi il 10.09.2009, segnala con allarme la grave situazione economica dell’Istituto, un bilancio in rosso a causa del mancato versamento da parte dello Stato dei crediti dovuti alle scuole, crediti che aumentano accumulandosi di anno in anno (e che nel nostro Istituto ammontano ormai a Euro 85.814,16).
Quest’anno più che mai la situazione è grave per l’ammontare della cifra e perchè a questi crediti si sommano i tagli generali dei finanziamenti alla scuola pubblica.
Lo Stato ci deve i soldi spesi dall’Istituto in questi anni per pagare  le prestazioni aggiuntive all’insegnamento, volontarie o necessarie, la partecipazione alle diverse Commissioni, le attività funzionali, la gestione dei laboratori, le uscite scolastiche, gli esami di stato e le supplenze, ecc.; si tratta di soldi che lo Stato si è impegnato a pagare alla scuola per il suo funzionamento, ma che materialmente non ha versato e non è affatto sicuro che verserà in futuro . E’ quindi un credito nei confronti dello Stato che non si sa se e quando sarà onorato.
In queste condizioni diventa difficile promuovere o partecipare a progetti, o progettare una qualsiasi attività didattica che abbia dei costi non scaricabili sulle famiglie.
Cosa significa tutto questo:
Si abbassa la qualità dell’offerta formativa: niente soldi niente più progetti! La stessa gestione  e mantenimento dei laboratori diventerà sempre più impraticabile.
Si riduce o addirittura  si annulla del tutto la possibilità dell’ istituto di venire incontro agli studenti in difficoltà di apprendimento (con corsi o attività di recupero) o economica (con contributi parziali o totali); si creano così le premesse per una maggior discriminazione ed emarginazione che invece la scuola per tradizione e cultura e per dovere Costituzionale ha sempre cercato di contenere.
I docenti vengono ulteriormente disincentivati a svolgere attività aggiuntive o a partecipare a Commissioni, essendo questa retribuzione poi differita di anni
Anche il personale ATA sempre più spesso non viene sostituito con una riduzione della qualità dei servizi che la scuola offre, oltre che ad una ridotta vigilanza dell’Istituto
·        Si porranno problemi per il pagamento dei supplenti, si procederà alla divisione delle classi, e quindi   
      verranno perse ore di insegnamento con effetti negativi sul percorso formativo.
I contributi volontari dei genitori invece che essere utilizzati per arricchire e migliorare l’offerta formativa della scuola vengono spesi per l’ordinario funzionamento.
 
Non è solo la nostra scuola che ha questi problemi, ma tutte le scuole della Provincia vivono questa difficile situazione finanziaria con una riduzione drastica delle supplenze e una media di crediti nei confronti dello stato di decine di migliaia di euro
Appare chiaro che le vere forze che stanno cercando di affondare ora la Scuola Pubblica, anche e soprattutto soffocandole economicamente, non siano certo i docenti,  ma chi sta guidando questo Ministero.-
Pertanto questo Collegio Docenti chiede con forza che
siano rapidamente saldati i debiti pregressi dello Stato verso le scuole  pubbliche
il Consiglio di Istituto prenda anch’esso posizione sui debiti pregressi e si attivi per la formazione di un coordinamento provinciale dei Consigli di Istituto, al fine di esercitare la massima pressione sulle autorità competenti
i Comitati e Associazioni dei genitori si attivino anch’essi in questa campagna per il saldo dei debiti pregressi
infine, sia posto termine alla campagna di disinformazione che addossa la responsabilità del mal funzionamento della scuola alla componente docente quando invece risulta sempre più evidente che è in corso un pesante processo di de-finanziamento della scuola pubblica e di incentivazione della scuola privata.
 
            Data …………………………………

Da inviare a :
Ø  Alla Segreteria dell’ On.  Ministro del MIUR
Ø  Al Direttore Generale  per la Politica e per il Bilancio- MIUR
Ø  Ai Presidenti delle
§  V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione
§  VII Commissione Cultura, scienza ed istruzione
del Senato della Repubblica
Ø  Ai Presidenti delle
§  V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione
VII Commissione Cultura, scienza ed istruzione
 della Camera dei deputati
 
Ø  Al Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale
Ø  Al Dirigente Ufficio  Risorse finanziarie USR-
Ø  Al Dirigente Ufficio Scolastico Provinciale di ………………………..
                        E p.c.:
Ø  Al Presidente della Regione …Lombardia………………………………
Ø  Al Presidente della Provincia di …Milano………………
Ø  Ai Sindaci dei Comuni di …Milano……………………………………